Roby….

mi hai lasciata qui… ma io ho bisogno di Te.

 

 

 

 

Comments Commenti disabilitati

E mi manchi da morire!!!!

Comments Commenti disabilitati

Di nuovo Natale, il quinto…

Ma Tu, non torni…

Comments Commenti disabilitati

Cara Sorella mia, vengo a scriverti questa mia lettera per dirti che io ero lì con te, con voi, quella sera che tu presentasti il libro. Ero vicino a te e svolazzavo in mezzo a voi e specie sopra di te per proteggerti perché tutto si svolgesse per il meglio. Ti ho voluto far sentire quella serenità che ti ha permesso di esprimerti per il meglio. Titti carissima, credi, sono vicino a te e a voi che soffrite per la mia assenza, perché solo noi possiamo consolare l’umana tristezza che voi avete nel cuore, ma guarda il cielo stellato la notte: noi siamo le stelle che scaldano la vostra vita terrena. Ti sono vicino a Milano e quella tristezza che a volte vedo sul tuo volto, per quello che posso, ti voglio dare quella serenità che a volte vedo nei tuoi occhi. Titti ti voglio bene, ora più di prima, perché quella che voi pensate sia la lontananza che ci divide è solo la nostalgia che avete nel vostro cuore, perché io sono sempre in voi, nei vostri pensieri e vi voglio bene ora più di prima.

Un bacio a te e la mamma e papà con tanto amore.

Un bacio, vostro Roberto

 

15 Dicembre 2013

Comments Commenti disabilitati

Video importato

Comments Commenti disabilitati

Cara sorella mia,

come posso, torno a scriverti tramite Piera, ma credi, anche se non scrivo come tu vorresti, perché noi più di tanto non possiamo fare, credimi non ti ho abbandonato e non ti abbandonerò mai, perché sono sempre vicino a voi e mamma e papà, perché voi siete stata la mia famiglia terrena e, come posso, sono sempre vicino a voi per potervi alleviare un po’ della vostra sofferenza, perché io sono per voi il vostro porto sicuro. Prego per voi perché possiate, pensando a me, avere quella pace e serenità che meritate, perché io sono vivo più di prima. Sono nella pace e nella gioia eterna. Solo un domani potrete capire.

Titti carissima, stai serena. Il lavoro nostro va per il meglio e andrà sempre meglio, perché io ti sono vicino e, come posso, ti aiuto e ti aiuterò sempre, perché l’amore che ci ha uniti sulla terra è sempre vivo in me.

Ora devo andare, ma non ti abbandono. Stai serena. Ti voglio bene. Saluta Roby. Ora vi abbraccio tutti.

Vostro Roberto

4/10/13

Comments Commenti disabilitati

Ieri sera, nel dormiveglia, ho sognato che Ti era successo un incidente e non c’eri più. Sempre nel sogno, ho pensato al dolore della mamma che non Ti avrebbe più rivisto e mi è preso il panico. Poi… mi sono svegliata e ho realizzato che era un sogno, ma Tu… non ci sei più davvero. E il vuoto, la nostalgia, una disperata nostalgia, si sono ancora una volta impossessati di me.

Comments Commenti disabilitati

Titti, sorella mia carissima,

come ci capivamo allora, nella vita terrena, complici di ogni iniziativa! Ricordati che per me non è cambiato niente da allora, perché sono sempre al vostro fianco anche ad aiutarvi per quel che posso, perché ora la mia dimora è nel regno dell’Altissimo e che un giorno possiamo unirci.

Titti, devi stare serena nella gioia infinita che solo allora capirete tutta la grandezza dell’infinito. Qua è vivere e non morire, come pensate voi. Titti carissima, di’ a papà di stare sereno, perché anche se non può vedermi e abbracciarmi, sono vicino a lui e non lo abbandono mai come sono vicino a te aiutandoti come posso nel nostro lavoro. Stai serena, perché tutto andrà per il meglio. Non rammaricarti se qualcosa non vi va come vorreste, ma non preoccuparti, perché tutto si aggiusta da sé. Ricordati che il lavoro non è tutto; si aggiusta da sé tutto quanto.

Titti, stai serena, la vita terrena è talmente effimera che non è per niente paragonabile a ciò che noi viviamo, perché noi viviamo più di voi. Noi non siamo morti. Ricordatevi che viviamo in un’altra dimensione e non potete capire, finché non mi raggiungerete, ciò che noi stiamo vivendo.

Titti, un bacio. Roberto. Mamma e papà, un forte abbraccione. Roberto

 

14/09/2013

Comments Commenti disabilitati

Caro Amore mio,

vorrei che i ricordi che ho di Te non si offuscassero col passare degli anni, ma rimanessero scolpiti nella mia mente come nell’acciaio in modo che il tempo non possa mai scalfire il ricordo di un solo attimo passato insieme.

E sono disperata se penso che ciò possa succedere.

Tua sorella Titti

Comments Commenti disabilitati

A Te Roberto,

Tu che amavi tanto la vita e lo sport  era il Tuo primo alimento,  che lo studio era per  Te la Tua passione, il lavoro il Tuo svago, Tu che lontano dal fumo, Tu che lontano dall’alcool, Tu  che lontano da droga, Tu donatore di sangue, Tu che innamorato del tuo fisico scultoreo facevi di tutto per tenerti sempre in forma, Tu amante della musica e della poesia, Tu che amavi tanto il mare e le montagne innevate, Tu che aiutavi i sofferenti e i  bisognosi, sei precipitato in  una rete senza potertene più uscire. Hai lottato con tutte le Tue forze ma senza riuscirci.

Io disperato, essendo a conoscenza della Tua fine ormai prossima ho cercato di darTi una mano per tirarTi fuori da quella rete e salvarTi. La Tua mano che io cercavo di attanagliare con tutte le mie forze per salvarTi dal baratro in cui stavi precipitando non è riuscita ad ancorarsi alla mia. Era calda ma senza forza ormai e Ti sei  lasciato andare lasciandomi nel dolore e nella disperazione.

I ricordi di Te sono tanti. Quarantacinque anni di ricordi indimenticabili, sia quando eri vicino sia quando Ti assentavi per i tanti viaggi all’estero da Te effettuati per lavoro o per visitare i luoghi più remoti e più belli del nostro pianeta.

Era una festa per tutti i presenti nel sentirTi raccontare tutte le Tue avventure, infiocchetandole e facendoci passare allegre serate  con il Tuo indimenticabile luminoso sorriso.

Eri unico Roberto. Adesso cerco di dimenticare i momenti  più tristi e più bui della mia vita al Niguarda e non riesco. Tu con tanta forza cercavi di nascondere in mia presenza tutta la Tua sofferenza, ne sono certo, Tu eri a conoscenza della Tua fine ormai imminente ma hai sperato fino all’ultimo respiro, come del resto anch’io, di combattere quel male tremendo che Ti stava divorando. Non ce l’hai fatta, non ce l’abbiamo fatta.

Adesso non mi resta che il ricordo di un figlio di cui ero tanto orgoglioso, il ricordo di un figlio che non potrò più abbracciare col calore di un padre.

Ti ho voluto bene e Te ne vorrò per sempre.

                                                                     Papà

Comments Commenti disabilitati